Notizie > Il testimone di nozze: una scelta a due

Il testimone di nozze: una scelta a due

Una figura importante in ogni matrimonio è quella del testimone di nozze che ha sempre una duplice funzione: affettiva e legale. Generalmente è un parente stretto, un fratello o una sorella, o un carissimo amico: insomma una persona che svolge un ruolo chiave nella vostra vita di individui e di coppia, e che volete che sia presente nel vostro cammino coniugale per tutta la vita.
La scelta del testimone è importante soprattutto per il sostegno affettivo e morale che dà e darà alla coppia: avrà, infatti, il compito di “vigilare”, per quanto possibile, sul rapporto degli sposi e dovrà ricordare loro, dove e quando necessario, quanto era grande il sentimento che li ha portati a dirsi “SI” il giorno delle nozze.

Il ruolo giuridico, invece, discende da regole definite dal codice canonico e civile.

Il mandato, perché sia valido, deve essere sottoscritto dal mandante e inoltre dal parroco o dall’Ordinario del luogo in cui il mandato viene dato o da un sacerdote delegato da uno di essi, o da almeno due testimoni; oppure deve essere fatto con documento autentico a norma del diritto civile”.

In questo caso la regola prevede almeno due testimoni, quindi, ognuno degli sposi potrà avere da uno a più testimoni. Non è indicato un numero massimo e questo dipende dalla discrezionalità del parroco che celebrerà le nozze.

Il matrimonio celebrato in chiesa ha, in base al concordato stato/chiesa, una valenza giuridica e quindi l’atto di matrimonio che verrà firmato in chiesa sarà lo stesso valido per il comune e quindi il codice canonico si deve confrontare con quello civile. Nel libro 1, Titolo IV, del codice civile l’art. 107 recita:

“Nel giorno indicato dalle parti l’ufficiale dello stato civile, alla presenza di due testimoni, anche se parenti, dà lettura agli sposi degli articoli 143, 144 e 147; riceve da ciascuna delle parti personalmente, l’una dopo l’altra, la dichiarazione che esse si vogliono prendere rispettivamente in marito e in moglie, e di seguito dichiara che esse sono unite in matrimonio. L’atto di matrimonio deve essere compilato immediatamente dopo la celebrazione “.

In questo caso la legge parla di due testimoni e, quindi, solo due persone (una per parte) potranno firmare l’atto di matrimonio, che verrà poi iscritto nei registri dello stato civile.

Fin qui le regole formali, ma nella scelta dei testimoni hanno molta importanza aspetti legati alla vicinanza delle persone che esulano dai codici. Nella scelta, che sembra molto personale, è bene ricordare che ci si sposa in due e quindi è bene che i testimoni siano di gradimento di entrambi. Se avete intenzione di scegliere come testimone quella persona che non è mai piaciuta al o alla partner, prima di formalizzare la scelta al diretto interessato (e quindi prima che sia troppo tardi) sarà d’obbligo parlarne con calma e franchezza tra futuri consorti. Inoltre, bisogna considerare che la persona che vorreste nominare potrebbe avere a sua volta remore: potrebbe non essere credente (e se vi sposate in chiesa questo è certamente un ostacolo), non condividere la vostra scelta sentimentale, non ritenersi la persona più adatta, essere timida e non voler essere al centro dell’attenzione per svolgere il ruolo di animatore di cui solitamente i testimoni sono gravati prima (addio al celibato o nubilato) e dopo la cerimonia (festeggiamenti). Cercate di capire se il problema è superabile ed in caso contrario sollevatelo dall’incombenza ringraziandolo della franchezza: tra amici può accadere anche questo.

Nel caso di rito religioso, parlate con il prete che svolgerà la funzione per ogni dubbio: certamente i testimoni per la Chiesa Cattolica devono essere maggiorenni, essere in possesso dei diritti civili ed essere cresimati.

I compiti istituzionali dei testimoni di nozze sono:

I testimoni avranno inoltre il compito di aiutare gli sposi nei preparativi del matrimonio, assistere la coppia anche moralmente e, non ultimo, se si tratta di amici, di prendere in mano l’organizzazione dell’addio al nubilato o al celibato.

Secondo la tradizione, i testimoni fanno anche un regalo piuttosto importante, ma se capite che questo può essere un problema, trovate il modo per chiarire che non è certo questo l’aspetto importante. Allo stesso tempo, per i testimoni si prepara normalmente una bomboniera diversa o un regalo aggiuntivo.

Ma per i testimoni questo e altro!