Notizie > Tradizione e moda: il velo piace sempre

Tradizione e moda: il velo piace sempre

La cerimonia matrimoniale è ricca di elementi simbolici che cambiano a seconda delle diverse influenze culturali. Oggi c’è grande libertà nell’interpretare e personalizzare le tradizioni e questo accade anche per il velo da sposa, mai caduto di moda e sempre presente nelle cerimonie reali.

Il velo da sposa ha una lunga storia che inizia quando i matrimoni erano combinati: si usava nascondere la sposa sotto un velo per coprire il suo volto e lo sposo poteva alzarlo solo alla fine della cerimonia.

Nell’antica Roma il velo “flemmum” era indossato dalla sposa come simbolo di buon augurio: durante la cerimonia veniva posto anche sulla testa dello sposo, per proteggere la coppia. Aveva colori vivaci – giallo o rosso – e sopra veniva posta una coroncina di mirto e fiori di arancio, simbolo di vittoria per la sposa che era riuscita a non cedere alle tentazioni della passione e aveva preservato la sua verginità.

Con il passare dei secoli il significato del velo della sposa è cambiato: nel Medioevo il velo veniva fermato al capo con fili d’oro e perline e aveva il compito di proteggere la sposa dagli spiriti maligni o dal malaugurio.

Agli inizi del novecento veniva scelto in base alla classe sociale della sposa, ma oggi dipende molto dalla moda ed è diventato un accessorio che piace.

Per questo si può scegliere qualsiasi tipo di velo purchè si tenga conto di come si abbina al vestito, per colore, forma, lunghezza e lavorazione, e come si abbina alla pettinatura scelta.

Le regole del bon ton suggeriscono un velo sobrio ed elegante per un abito ricco ed importante e, viceversa, un velo in pizzo o ricamato per un abito semplice e minimalista. Esistono diversi modelli, ma sono solo tre le lunghezze fondamentali:

Il velo non dovrebbe superare i 3 metri di lunghezza, è perfetto per la cerimonia in chiesa, sconsigliato invece in municipio. E’ indicato alle spose che non abbiano più di 35 anni e che siano al primo matrimonio. Negli altri casi è preferibile scegliere un capello in linea con l’abito oppure degli accessori più ricchi per l’acconciatura.

Si può scegliere un velo a uno, a due o a tre strati. La decisione dipende in gran parte dallo stile dell’abito:

Se ci si sposa all’aperto, potrebbero esserci sabbia, vento o terra. Per mantenere il velo immacolato, è consigliabile sceglierne uno che arrivi alle ginocchia o che sia più corto. Inoltre, se il luogo scelto o la stagione possono essere ventosi, un velo lungo può essere difficile da controllare. Le velette possono andare bene per queste condizioni. Infine, se fa caldo ed è umido, non sarà piacevole essere avvolta da molteplici strati, che potrebbero appiccicarsi alla pelle: forse bisogna compiere una scelta diversa…